Federico II si riparte con più lauree e restyle

Le nostre sedi sono aperte ma prive di studenti. Il comprensibile senso di vuoto è solo in parte attenuato dalla presenza di ricercatori, borsisti, assegnisti di ricerca, dottorandi, tirocinanti, tesisti, professori che scelgono di erogare la Dad dai loro studi invece che da casa, alcuni ” esaminandi” e qualche seduta di laurea in presenza con pochi astanti e senza assembramenti augurali, personale tecnico amministrativo tra ufficio e casa in modalità di lavoro agile. Con l’eccezione del Policlinico, dove continuano a svolgersi in presenza didattica ricerca e assistenza con quasi tutto il personale già vaccinato, questa è la situazione attuale nel più grande ateneo del Meridione. Si pensa ad un grande Restyle delle sedi con maggiori percorsi di laurea. Queste le parole del rettore.