Displaying items by tag: radiopiu

Saturday, 25 April 2020 14:08

Kim Jong-Un è morto?

Se ne parla ormai da tempo, sembra che il dittatore sia morto ormai da qualche giorno. Stando a quanto dice Francesco Sisci, professore di Sinologia a Pechino: "Che io sappia è già morto. Non si sa quando sarà l'annuncio, potrebbero volerci mesi". Nel 2011 quando morì suo padre Kim Jong-Il, passarono due giorni prima dell'annuncio ufficiale. Un'agenzia ha scritto che sarebbe stato inviato un team di medici e funzionari cinesi in Corea del Nord.

Published in Blog
Tagged under
Friday, 24 April 2020 14:49

Felino avvistato a Torrecuso

Ormai da molte ore girano voci confermate anche dal sindaco che dice: “Si avvisa la cittadinanza che sul territorio comunale sembra aggirarsi un animale vagante di grossa taglia, di razza felina ma di specie sconosciuta”. Siamo nel Sannio,  il primo cittadino ha allertato i suoi concittadini perchè sembra ci sia una pantera che si aggira nelle campagne di Torrecuso. Poi continua il sindaco: “Alcuni cittadini hanno fatto segnalazioni attendibili in merito, ed ho provveduto ad allertare l'Asl di Benevento, i carabinieri di Paupisi, i carabinieri forestali di Vitulano e la protezione civile che hanno avviato gli accertamenti. Chiunque avvistasse tale esemplare – conclude il primo cittadino di Torrecuso – o rinvenisse carcasse predate è invitato a contattare le autorità”. I carabinieri forestali con l'aiuto di droni sono alla ricerca del grosso felino.

Published in Blog
Tagged under

Gerry Marcello lavora alla direzione ASL di Caserta e ci ha confermato che da 7 giorni in provincia ci sono stati 0 contagi. Riascolta l'intervista di Rosario Copioso. 

Published in Blog

La famosa "fase 2" sta per arrivare, le cose cambieranno ma bisogna stare attenti alle restrizioni. Si parla ancora di ipotesi ma per permettere gli spostamenti c'è un lavoro sul tavolo del governo che prevede tante novità come la mobilità intra-regionale. Nulla ancora di certo, attendiamo che si pronunci il governo. 

Published in Blog
Tagged under
Wednesday, 22 April 2020 13:58

E' online il modulo per querelare Feltri

Ci ha pensato un avvocato napoletano, Sergio Pisani a preparare la querela. Il giornalista Angelo Forgione ha pensato a come condividerlo con tutti. Ecco cosa scrive su facebook:

Chi volesse querelare Vittorio Feltri per le sue espressioni razziste e per l'istigazione all'odio di cui è chiaramente responsabile può farlo da oggi a 90 giorni compilando il documento postato (gentilmente preparato dall'avvocato napoletano Sergio Pisani), firmandolo e consegnandolo in qualsiasi caserma dei Carabinieri o commissariato di Polizia.

Parallalamente, ognuno può esprimere formale e civile protesta per sollecitare interventi esemplari al Consiglio di Disciplina territoriale dell'Ordine dei Giornalisti della Lombardia, unico organo disciplinare competente per separazione dei poteri, nei confronti del direttore editoriale di Libero #Feltri ma anche del conduttore Mario Giordano, sulla base del principio di parità sociale e razziale sancito dall'articolo 3 della Costituzione Italiana (peraltro già ampiamente disatteso dalla stessa Repubblica Italiana con la mancata rimozione degli ostacoli di ordine economico e sociale che limitano l'eguaglianza dei cittadini meridionali).
La persona di riferimento è la dottoressa Anna Contini e l'indirizzo e-mail è This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

p.s.: Chi considera eccessiva la considerazione per il personaggio, sappia che quella gliela danno tantissimi ignoranti come lui, che da lui e da altri vengono fomentati grazie alle gravi volontà dell'informazione di tipo discriminatorio attivata da una certa comunicazione di sistema. Il motivo per fermarlo c'è, ed è serissimo.

Cliccando qui si può scaricare la querela

In basso il post 

 

Published in Blog
Tagged under

Mentre in tutte le case arrivano le mascherine della Regione Campania, distribuite secondo il seguente calendario e che saranno obbligatorie per tutti dagli inizi di maggio, arriva un'ulteriore Ordinanza con ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-2019.

Ecco le novità apportate: 

 

 

 

Le novità riguardano le attività di ristorazione, librerie e festività: 

 

1) Con decorrenza dal 27 aprile 2020 e fino al 3 maggio 2020, ferme restando le misure statali e regionali vigenti e fatta salva ogni ulteriore disposizione in considerazione dell’evoluzione della situazione epidemica, a parziale modifica delle disposizioni di cui all’Ordinanza n.32 del 12 aprile 2020, su tutto il territorio regionale:

a) sono consentite le attivita' e i servizi di ristorazione - fra cui pub, bar, gastronomie, ristoranti, pizzerie, gelaterie e pasticcerie- esclusivamente, quanto ai bar e alla pasticcerie, dalle ore 7,00 alle ore 14,00, gli altri esclusivamente dalle ore 16,00 alle ore 22,00, per tutti con la sola modalità di prenotazione telefonica ovvero on line e consegna a domicilio e nel rispetto delle norme igienico-sanitarie nelle diverse fasi di produzione, confezionamento, trasporto e consegna dei cibi e salvo l’obbligo di attenersi alle prescrizioni di cui al successivo punto 2;

b) sono consentite le attività di commercio al dettaglio di articoli di carta, cartone, cartoleria e libri, esclusivamente dalle ore 8,00 alle ore 14,00, con raccomandazione di adottare misure organizzative atte a promuovere la modalità di vendita con prenotazione telefonica ovvero on line e consegna a domicilio, salvo l’obbligo di attenersi alle prescrizioni di cui al successivo punto 2.

 

2. E’ fatto obbligo, per gli esercenti e gli operatori impegnati nelle attività di cui al precedente punto 1 e per gli utenti, di osservare le misure di sicurezza e precauzionali prescritte nel protocollo allegato sub A al presente provvedimento per formarne parte integrante e sostanziale.

3. Su tutto il territorio regionale, nel pomeriggio del 25 aprile 2020, nella giornata del 26 aprile 2020 e nella giornata del 1 maggio 2020, e’ fatto obbligo di chiusura festiva delle attività di vendita di cui all’allegato 1 del DPCM 10 aprile 2020, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, fatta eccezione per le farmacie e parafarmacie, le edicole e i distributori di carburante e con la precisazione che i distributori automatici di tabacchi posti all’esterno delle rivendite potranno restare in funzione.

4. Il mancato rispetto delle misure di contenimento e prevenzione del rischio di contagio di cui al presente provvedimento comporta, ai sensi dell’art.4 del decreto legge 25 marzo 2020, n.19, l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria (pagamento di una somma da euro 400 a euro 3.000) nonchè, per i casi ivi previsti, di quella accessoria (chiusura dell'esercizio o dell'attivita' da 5 a 30 giorni).

5. L’Ordinanza n.32 del 12 aprile 2020 è confermata per quanto non modificato dal presente provvedimento.

 

Il Presidente Vincenzo De Luca ha dichiarato: 

"Si tratta di un primo passo e di un primo segno di rilancio delle attività economiche secondo una linea di responsabilità e di prudenza, che richiede da parte di tutti il rispetto rigoroso delle regole di tutela della propria e dell'altrui incolumità. Il provvedimento è articolato in maniera da diluire la mobilità nel corso della giornata ed evitare assembramenti. Sarà fondamentale rispettare tutti i dispositivi di sicurezza, pena sanzioni severe a carico degli inadempienti. Occorrerà utilizzare i prossimi giorni per sviluppare tutte le operazioni di sanificazione e igienizzazione dei locali, in qualche caso chiusi da molte settimane, per sottoporsi a visite mediche e per preparare tutte le certificazioni necessarie dal punto di vista sanitario".

 

Clicca qui per leggere l'ordinanza n°37 del 22.04.2020

Published in Blog

E' successo ieri a Bergamo, si tratta di un insegnante di 32 anni originario di Poggiomorino. Enrico insegnava nella terra tra le più martoriate in questo momento storico, l'"epicentro" dell'epidemia. Gli era stato diagnosticato il virus all'ospedale di Bergamo dove era ricoverato per un intervento chirurgico.

Published in Blog
Tagged under


“Dal 20 gennaio avevamo pronto un piano secretato e quel piano abbiamo seguito. La linea è stata non spaventare la popolazione e lavorare per contenere il contagio”. Lo ha detto Andrea Urbani, il direttore generale della programmazione sanitaria del Ministero della Salute che dice che in quel documento c'erano tre scenari per l'Italia, uno dei quali così drammatico che il piano è stato secretato. Tutto viene fuori da un'intervista sul Corriere della Sera. Continua: “Con il senno di poi, sarebbe stato meglio un lockdown immediato. Ma allora c’erano solo i due cittadini cinesi e si è deciso di assumere scelte proporzionate. Attenzione, però. Come ha certificato l’Imperial College, se il Governo non avesse adottato le zone rosse e le altre misure di contenimento l’Italia avrebbe avuto tra i 600 mila e gli 800mila morti”. A quel punto la decisione del sistema sanitario nazionale che ha pensato di non gettare nel panico la popolazione e secretò il documento. Il 5 gennaio la direzione generale inviò a Regioni e ministeri una comunicazione con oggetto “Polmonite da eziologia sconosciuta – Cina”, riportando i sintomi clinici dei primi 44 casi di Wuhan: febbre, difficoltà respiratorie e lesioni invasive in entrambi i polmoni. Nella circolare la raccomandazione dell’Oms di “evitare qualsiasi restrizione ai viaggi e al commercio con la Cina”. Il 30 gennaio la decisione italiana di bloccare i voli con la Cina. Poi la storia la conosciamo.

Published in Blog
Tagged under

Gli Stati Uniti stanno lavorando su alcune informazioni di intelligence secondo le quali il leader della Corea del nord Kim Jong-un sarebbe in grave pericolo dopo un intervento chirurgico. Lo ha riportato anche la Cnn. Sembra sia stato assente lo scorso 15 aprile alle celebrazioni del compleanno del nonno, la che questa circostanza ha fatto sollevare dubbi sul suo stato di salute. 

Published in Blog
Tagged under

Forse trovare il lato positivo delle cose è il trucco per vivere meglio e se riusciamo anche in questi mesi difficili a trovare un lato positivo tutto andrà meglio. Il lato positivo? Che a causa del coronavirus e dello stop dei mezzi in tutto il mondo l'inquinamento in Europa è calato del 50%. Il Reale Istituto Meteorologico d'Olanda (KNMI) ha pubblicato nuovi aggiornamenti constatando un importante abbassamento dei livelli di concentrazione di biossido di azoto: Madrid, Milano e Roma vedono una riduzione del 45%, mentre Parigi registra addirittura un calo del 54%.

Published in Blog
Tagged under
Page 1 of 5